farisei e sionisti

ROSSATI GUALTIERO [ Condivisione pubblica  -  09:05 ] BUONGIORNO BUONGIORNO BUONGIORNO AMICI FASCIOLEGHISTI !!
BUONGIORNO AL PRESIDENTISSIMO: DONALD TRUMP!!
AUGURISSIMI PER LA SUA SANTIFICANTE CAMPAGNA ELETTORALE !!!!
BUONGIORNO AI RISVOLTI FAVOREVOLI SUI SUOI NEMICI E NEMICHE massoni Illuminati fariei islamici DIABOLICI e SATANICI!!

===================


THE SHIELD OF FAITH [ In addition to all this, take up the shield of faith, with which you can extinguish all the flaming arrows of the evil one.
(Ephesians 6:16) ] The Roman shield was the defensive piece of armour that was almost always used together with the sword. It was used to ward off a blow from the opponent while making your own sword-thrust. Likened to a shield, our faith in God is that piece of spiritual armour that enables us to withstand attacks by the enemy that are too much for the mind and body. The shield of faith has a three-fold duty.
    It is a saving faith that is the inward confidence in God.
    It is a serving faith that inspires our servant hood.
    It is a sanctifying faith that lays hold of the power of God for our daily lives. When you come under enemy fire, take shelter behind your faith in God. Do not be deceived by circumstances and events. Walk by faith, not by sight. Be confident that God has secured victory. Stake your life on His faithfulness. Trust Him to deliver you as you wear the shield of faith.
A colleague tells the story of Gabriel in violence plagued Colombia. His calling is to share the gospel with guerrilla soldiers hiding in the mountains. As he approaches a camp site with his bag of Spanish Bibles, a perimeter guard often steps out and sticks his AK-47 in Gabriel’s stomach.
“What are you doing here?”
“I’ve come to tell you about the love of Jesus which you can read about in these books.” “We don’t want your books. Get lost or I’ll kill you!”
It’s at this point that Gabriel’s faith rises. Pushing the barrel of the gun aside he casually answers, “No you won’t! You can’t kill me until God says you can kill me,” and he boldly walks ahead into the camp where he distributes Bibles and preaches the gospel to those who will listen. He is still on the trail and has not been killed yet. He is convinced the day will come when his life will be taken. But his faith is solidly grounded in the assurance that it will only happen in God’s will. Meanwhile he is a powerful witness to the truth of the Gospel because of his faith.
RESPONSE:
Today I take the shield of faith so I will not be vulnerable to spiritual defeat.
PRAYER:
Lord, help me be strong in faith, ready for Satan’s fiery darts of doubt, denial and deceit. Give me bold faith like Gabriel’s.
==================

https://www.youtube.com/channel/UCy5H0uunC2qMk0iOF4SHKUw   The Truth about the Hajj (David Wood) Pubblicato il 08 set 2016
http://www.answeringmuslims.com
The Hajj (pilgrimage to Mecca) is one of the Five Pillars of Islam. Every Muslim who is physically and financially able to perform the Hajj must do so at least once in life. The Hajj takes place annually during the last month (Dhu al-Hijjah) of the Islamic lunar calendar.
Many Muslims, however, fail to realize that the pilgrimage to Mecca was once a pagan practice, and that many of the traditions associated with the Hajj have pagan origins. In this video, David Wood explores the Muslim sources to discover the truth about the Hajj.
For more on Muhammad, the Quran, and Islam, watch these videos by David Wood:

=================

Fun Islamic Facts 11: Muhammad's War on Dogs (David Wood)   Acts17Apologetics
92.796 27.478 visualizzazioni
Pubblicato il 05 set 2016
http://www.answeringmuslims.com
For centuries, dogs have been described as “man’s best friend.” Not surprisingly, the prophet who commanded his followers to slaughter men also commanded them to slaughter man’s best friend. And it all began when Muhammad got stood up for a date, because of a puppy.
Sahih Muslim 5511—It was narrated that Aishah said: “Jibril promised to come to the Messenger of Allah at a certain hour, and that time came but he did not arrive. He (the Messenger) had a stick in his hand which he threw down and said: ‘Allah does not break His promise, and neither do His Messengers.’ Then he turned and saw a puppy beneath a bed. He said: ‘O Aishah, when did this dog get in here?’ She said: ‘By Allah, I do not know.’ He ordered that it be taken out, and Jibril came. The Messenger of Allah said: ‘You made an appointment with me and I waited for you but you did not come.’ He said: ‘I was prevented by the dog that was in your house. We do not enter a house in which there is a dog or an image.’”
So, the archangel Gabriel is petrified of puppies and pictures. After learning about Gabriel’s phobias, Muhammad could have simply been careful to check his house for puppies whenever Gabriel was coming over. But this is Muhammad we’re talking about. And it just wouldn’t be Muhammad without an epic bloodbath. So the canine carnage began.
Sahih Muslim 4016—It was narrated from Ibn Umar that the Messenger of Allah ordered that dogs be killed.
Sahih Muslim 4018—It was narrated that Abdullah bin Umar said: “The Messenger of Allah used to order that dogs be killed, and I went throughout Al-Madinah, and we did not spare any dog but we killed it, to such an extent that we would even kill the dog of a woman belonging to the desert people.” But some of Muhammad’s followers complained, because they had dogs for hunting and for herding sheep. So Muhammad changed his mind:
Sahih Muslim 4021—It was narrated that Ibn al-Mughaffal said: “The Messenger of Allah enjoined the killing of dogs, then he said: ‘What is the problem with them and dogs?’ Then he granted a concession with regard to dogs for hunting and herding sheep.”
So, certain dogs were okay, as long as they were fetching your birds or herding your sheep. But some dogs were much worse. Some dogs are the devil.
Sahih Muslim 1137—It was narrated from Abdullah bin As-Samit, from Abu Dharr, who said: “The Messenger of Allah said: ‘When one of you stands to offer prayer, he will be screened if he has something in front of him that is like the back of a saddle. If he does not have something in front of him that is like the back of a saddle, then his prayer will be interrupted if a donkey, a woman, or a black dog passes in front of him.” I said: “O Abu Dharr! What is the difference between a black dog, and a red or yellow dog?” He said: “O son of my brother, I asked the Messenger of Allah the same question and he said: ‘The black dog is a devil.’”
More timeless wisdom about Satan from the prophet who said that Satan pees in your ears, hides in your nose, and farts when he hears the call to prayer. Surah 21, verse 107 of the Qur’an declares that Allah sent Muhammad as a mercy to all creatures. But apparently, this doesn’t include dogs, and it certainly doesn’t include black dogs, because the color of a dog’s fur determines whether it’s the devil.
If you’re wondering why Muhammad said that black dogs are the devil, keep in mind he also said that Satan looks like a black man. For more on Muhammad’s view of blackness, be sure to watch: “Muhammad: The White Prophet with Black Slaves.”
For more on Muhammad and the Qur'an, watch these videos by David Wood:
===========

https://www.youtube.com/channel/UCSe0FTFMllGnegOp4sDgOIg
 Pubblicato il 13 set 2014. Ecco cos’è accaduto veramente alla democrazia e alla ricchezza comune. E a vantaggio di chi.
Questa è una inchiesta di rigore scientifico che si è avvalsa della consulenza di dodici economisti universitari internazionali.
“Le elite sapevano che gli Stati a moneta sovrana avrebbero potuto creare la piena occupazione senza problemi, in tutto il mondo, ma ciò gli avrebbe sottratto il potere. Dovevamo soffrire.”
Ecco il più grande crimine.
E’ semplice da capire. Ci fu un giorno di non molti anni fa in cui finalmente, e dopo secoli di sangue versato e di immane impegno intellettuale, gli Stati abbracciarono due cose: la democrazia e la propria moneta sovrana moderna. Un connubio unico nella Storia, veramente mai prima esistito. Significava questo: che per la prima volta da sempre noi, tutti noi, avremmo potuto acquisire il controllo della ricchezza comune e stare bene, in economie socialmente benefiche e prospere. Ma questo non piacque a qualcuno, e fu la fine di quel sogno prima ancora che si avverasse.
Questo video vi parla del più grande crimine commesso in Occidente dal secondo dopoguerra a oggi. Milioni di esseri umani e per generazioni furono fatti soffrire e ancora soffriranno per nulla. I dettagli e l’ampiezza della loro sofferenza sono impossibili da rendere in parole. Soffrirono e soffriranno per una decisione che fu presa a tavolino da pochi spregiudicati criminali, assistiti dai loro sicari intellettuali e politici. Essi sono all’opera ora, mentre leggete, e la spoliazione delle nostre vite va intensificandosi giorno dopo giorno, anno dopo anno. La loro operazione su scala globale è definita, per gli scopi di questo saggio, come Il Piano Neoclassico, Neomercantile e Neoliberista. Sulla loro identità mi dilungherò fra poco, ma per ora posso dire che sto parlando dei leader dei maggiori istituti finanziari del mondo e delle corporations di stazza multinazionale, accompagnati da uno stuolo di fedeli pensatori economici e di tecnocrati. I politici, obbedienti, spesso li seguono a ruota. A volte li sentirete chiamare “gli investitori internazionali” che si riuniscono in alcuni club esclusivi come la Commissione Trilaterale, il Bilderberg, il World Economic Forum di Davos, l’Aspen Institute e altri.
Sono coloro che il settimanale The Economist ha di recente chiamato “I Globocrati”.
Registrazione del convegno tenuto a Lugo il 24 settembre 2010 da Paolo Barnard (http://paolobarnard.info)

===================
i NAZI SHARIA ISLAMICI GENOCIDIO AKBAR ] [ Saltano la partita con Israele: inchiesta. Inchiesta del Comitato internazionale paralimpico sul mancato arrivo a Rio della squadra algerina di goalball per una partita con Israele. Gli atleti sostengono di aver semplicemente perso l'aereo (Messaggero).
==========
STOP FOLLIA GENDER, Sergio DiM:
Tutti contro l'inaudita violenza di chi manifesta rimanendo in silenzio a leggere un libro, per dire no alla deriva gender.
Ennesima dimostrazione che il mondo LGTB è in realtà la moderna espressione della peggiore intolleranza, peggiore delle peggiori dittature, perché vuole annientare qualsiasi forma di dissenso al pensiero unico.
Essere stati vittime ha mascherato la vera faccia di chi accusa gli altri di essere nazisti, ma che nel cuore e nell'animo è più nazista di chi accusa.

====================

powerful paedophile ring to UK [ Bloccato in tutto il mondo

=============

Netanyahu Says the World Seeks a State Free of Jews ] come tutti i popoli comandati da massoni di merda (escrementi che i FARISEI hanno creato per disintegrare ISRAELE in ogni modo), come loro potranno conservare la loro Patria, se l'ebreo satanista Rothschild SpA FED FMI BM, lui è il Padrone e Dio del NWO? voi siete tutti dei pezzi di merda!
Netanyahu: ‘Ethnic Cleansing of Jews for Peace is Absurd’  US State Dept Slams Netanyahu’s Attack on Ethnic Cleansing    
Israel Stands with America on 9/11      
    WATCH: How the Palestinians Reacted on 9/11
    US Congress Hosts Conference Against BDS
    IAF bombs Syrian target for third time in a week
    Dennis Ross: If Elected, Clinton Should Seek More Israeli Concessions
    Rescue units pull last body from Tel Aviv building collapse
    Israel building underground barrier against Hamas terror tunnels








  • Ed ora a voi Damasco e Ankara “alleati”: a far fuori i curdi


    “Inaccettabile; il campo di battaglia nella Siria del Nord è troppo affollato”, si è lamentato il portavoce del Pentagono Peter  Cook.  Sarebbe da ridere, se non avvenisse nella tragedia siriana. Come spiega il Washington Post, tre gruppi combattenti sostenuti dagli americani con la scusa di combattere Daesh (creata  dagli americani, sauditi israeliani)  ma in realtà per annichilire Assad, si stanno combattendo tra loro.  Come noto, le truppe   della Turchia, grande alleata nella NATO (fino a quando Erdogan non ha avuto impressione di essere stato vittima di un colpo di Stato americano),  sono penetrate in Siria per cacciare oltre l’Eufrate  i guerriglieri curdo-siriani dello YPG, armati dagli Usa con la scusa di combattere Daesh ma  in realtà per  sottrarre al legittimo governo di Damasco l’area curda della Siria; negli scontri è implicato anche parte della Free Syriana Army, pagata dagli Usa, con il gruppuscolo guerrigliero Ahrar  al-Sham (Usa nutrito).
    Sono i risultati politici altamente interessanti  della doppiezza  (o confusione mentale?) con cui Obama ha condotto da cinque anni la sanguinosa campagna di distruzione del regime siriano, per interposti gruppi terroristi  e secessionisti.  Ma nell’area  sono in corso manovre – se confermate – per  cui il termine ‘doppiezza’  non si applica nemmeno più. Bisognerà parlare di gran bazar del sangue e della guerra.
    turkey-slams-unacceptable-photos-of-us-troops-wearing-kurdish-patches-while-they-fight-isis

    Ad Aleppo, jihadisti guidati da ufficiali turchi

    Provo a riferirla come la dà il giornale libanese AsSafir, per quanto incredibile sembri – se non altro perché ne risaltano particolari interessanti dei doppi giochi precedenti.
    In breve:  Damasco – il cui territorio è stato violato da Erdogan con l’incursione di cui sopra – si starebbe accordando con  Erdogan e i suoi emissari per dare il colpo di grazia ai curdi e alle loro speranze (eccitate dagli Usa) di uno stato proprio.
    Il giornale libanese chiarisce che non si tratta di un’alleanza, ma di  “un baratto”.  Che consisterebbe in questo: i Turchi abbandonerebbero Aleppo ad Assad, e in cambio questi lascerebbe ai turchi mano libera per devastare le speranze curde in Siria.
    Al che immagino lo stupore del lettore: i turchi ad Aleppo? Ma ad Aleppo, scusate,  contro l’armata  siriana regolare, non ci sono Daesh, Al Nusrah, insomma i tagliagole irregolari wahabiti? Ebbene: non solo.
    Infatti, a credere al ben informato giornale libanese, in un incontro avvenuto a Baghdad giovedì scorso fra i capi dei rispettivi servizi (per Ankara si fa’ il nome del capo del controspionaggio in persona, Hakane Fidane) – incontro organizzato dal capo dei servizi iracheni –    gli emissari di Ankara hanno posto ai siriani “informazioni su 7 ufficiali turchi che avevano preso  parte ai combattimenti coi ribelli siriani ad Aleppo, e di cui avevano perduto le  tracce dal febbraio 2015..
    Già nel dicembre 2015 il vostro modesto cronista aveva denunciato  che elementi turchi, a fianco dei jihadisti nella Aleppo da cui avevano cacciato i militari siriani, si erano impossessati di macchinari industriali che avevano  portato in Turchia.
    http://www.maurizioblondet.it/erdogan-ordina-i-saccheggi-dellis-in-siria/
    Adesso si apprende che al comando dei jihadisti di Daesh c’erano ufficiali turchi, che li comandavano; che hanno combattuto,  questi membri della NATO, mascherati da jihadisti, non solo ad Aleppo, ma anche a Idlib e a Latakia.  E persino nell’ultima battaglia di Aleppo, qualche settimana  fa ai primi di agosto, la spallata con cui i gruppi  terroristi son quasi riusciti a rompere l’assedio delle truppe siriane sostenute dall’aviazione russa – non  hanno nulla a che fare con le sigle  più o meno fantasiose di cui i nostri media ci hanno riempito (Jaish al Fatah, Fateh al Sham ex Al Nusra ex Al Qaeda…):  no, sono state “le ondate suicide del Partito Islamico del Turkestan addestrate dallo spionaggio turco” a quasi riuscire nell’impresa, naturalmente con razzi Tow americani ed altre armi  occidentali utili allo scopo.
    Questo “partito islamico del Turkestan”, che è carne da cannone turcofona, era inquadrato da ufficiali turchi:  di quattro, catturati vivi e prigionieri, gli emissari di Assad hanno date ai turchi le informazioni richieste; degli altre tre han detto di non sapere niente.  In ogni caso, sembra che la prova di buona volontà fornita dai siriani sia stata ritenuta soddisfacente.
    Noi possiamo solo ricordare che in quei giorni, mentre l’aviazione russa e le tuppe siriano-iraniane richiudevano la breccia di Ramousseh (breccia mai veramente aperta: non poté mai essere percorsa da automezzi),  i nostri media e l’emissario della Nazioni Unite di cui ci sfugge il nome strillavano a  più non posso sulla “crisi umanitaria a Aleppo” e sui “civili” affamati e assetati sotto assedio, e gridavano che bisognava lasciar passare i rifornimenti. Sì, i rifornimenti per i kamikaze turcomanni mascherati da “opposizione siriana” o da  Califfato Islamico.

    Liste comuni di terroristi. Da ammazzare.

    Chiarita la questione degli ufficiali, gli emissari turchi e i siriani avrebbero raggiunto un accordo preliminare sulle “liste dei terroristi”.  Cosa significa? Che Damasco avrebbe accettato di inserire nelle sue proprie liste di   organizzazioni terroristiche (da combattere cioè senza quartiere)  tutte le fazioni curde armate che dispiacciono ai turchi e operanti nel Nord siriano; Damasco si sarebbe impegnata a smettere di armare un paio di fazioni curde  operanti nella regione di Aafrine, che sosteneva in funzione anti-Ankara.
    In cambio, Ankara ha promesso di smettere di rifornire di armi i gruppi jihadisti delle varie denominazioni che continuano ad occupare  parte di Aleppo e combattere l’esercito siriano, e di  classificare certi altri gruppuscoli armati  come “organizzazioni terroristiche secondo i criteri russi” (qualunque cosa ciò voglia dire), perché i russi ci tengono a distinguere fra “estremisti” e “moderati” da far partecipare ad una futura transizione in Siria.
    Già, perché questo cosiddetto “baratto” ha avuto luogo su suggerimento dei russi e degli iraniani, a livello dei capi dell’intelligence dei paesi coinvolti.
    Secondo AsSafir, i turchi hanno cominciato già ad operare cambiamenti sul terreno, ad Aleppo. “Sono stati già  convocati [?] migliaia di miliziani” che si trovavano sul fronte di Aleppo e di Idlib;   parte ragguardevole della milizia “Al Jabhat al-Shamyyat”  che si sarebbe staccata da Jaish al –Fateh.  E poi, “i servizi turchi hanno ritirato il  Battaglione 13 e le brigate  turcomanne che si trovano alla frontiera siro-turca,  e soprattutto nella provincia nord di Latakia e a Jarablus: si tratta in specie delle Brigate Murad-4,Sultam Selim,  Istakim kama Oumirt  ed altri gruppi vicini ai  servizi turchi”.
    Con tanti complimenti a chi ancora crede e scrive sui media che  in Siria c’è una guerra civile, e una “opposizione siriana” fatta di patrioti e democratici che hanno dovuto prendere le armi per combattere il mostruoso dittatore Assad.  Qualcuno magari avverta la Mogherini e Staffan De Mistura.
    In forza di questo duro accordo (per salvare la  integrità territoriale siriana) se  la cavano per il momento i criminali della brigata Sultan Murad, che hanno abbattuto l’elicottero russo, e la Brigata Al-Zinki, quella che ha sgozzato in video il dodicenne palestinese  – entrambi “alleati” di Erdogan in funzione anti-curda.



    Abu Muhammad al Adnani, noto al SITE
    Abu Muhammad al Adnani, noto al SITE
    Si ignora se faccia parte del ‘baratto’ la notizia (ammesso sia vera) dell’uccisione presso Aleppo del “portavoce dello Stato Islamico  Abu Muhammad al-Adnani”, indicato dalla propaganda occidentale come “l’organizzatore degli attentati all’estero” da Parigi a Bruxelles  a Dhakka:  trattasi dunque di figura  la cui esistenza era  puramente televisiva, molto promossa   in esclusiva dal SITE di Rita Katz.

    Cosa chiesero gli americani ad Assad


    Si apprende ora dallo stesso As-Safir che nel 2003, il regime di Assad fornì agli americani preziose informazioni d’intelligence sui terroristi. Ben altro interessava a Washington. In un incontro avvenuto il 3 maggio 2003, Colin Powell, l’ allora segretario di Stato promise  ad Assad  l’apertura di  “un nuovo capitolo nelle relazioni siro-americane”: bastava che Damasco cessasse di sostenere Hamas. “Vi chiedo di chiudere l’ufficio di Hamas (a Damasco) e informare i responsabili di andare a traslocare da un’altra parte. E poi,  lasciate cadere Hezbollah”.  Un tipo di richieste in cui  chiunque può vedere la  longa manus di Israele.
    La risposta  di Assad (che ospita più di 200 mila profughi palestinesi, molti dal 1948) fu che non avrebbe espulso alcun palestinese, a meno che essi stessi non volessero tornare in Palestina.  Il “nuovo capitolo” non si aprì, e le forze di Washington si sono concentrare nella distruzione della Siria.
    http://parstoday.com/fr/news/middle_east-i10969-syrie_ce_qu’assad_ne_regrettera_jamais
    Ora si scopre (o meraviglia), nei territori da cui sono stati cacciati i guerriglieri dello Stato Islamico, una quantità di fosse comuni. Ormai  sono 72  fra Siria e Irak,  con un numero di corpi valutato fra i 5200 e i 15 mila. Frutti della sistematica pulizia etnica messa in atto dallo Stato Islamico pagato dall’Arabia Saudita, addestrato dalla Cia e sostenuta dall’Europa in forme occulte (Mogherini mantiene le sanzioni contro Damasco, per volontà Merkel-Hollande)  e o meno: quelli che “sul terreno hanno fatto un buon lavoro”, secondo il ministro Fabius. Lo stesso che passerà alla storia per aver dichiarato, nell’agosto 2012: “Assad non merita di camminare sulla terra”.



    Bashar Assad con la moglie Asma, quando potevano adare a Londra
    Bashar Assad con la moglie Asma, quando potevano andare a Londra
    In questo lurido carnaio di sangue  e tradimenti, doppiezze e menzogne che è stato reso il Medio Oriente, riconosciamo almeno noi  in Assad una nobile figura  umana e fedele.




    Ci sono piaciuti: